10
uncharted-4-logo
Fine di un ladro sarà anche la fine per Nathan Drake?

Una domanda lecita che è un po’ sulla bocca di tutti gli appassionati della saga, considerando il sottotitolo che è stato dato a questo quarto capitolo ufficiale di Uncharted, che approderà su Playstation 4 nel corso del 2016 e che milioni di fans attendono con ansia.

Dopo una trilogia su Playstation 3 ricca di premi e riconoscimenti che ha elevato il genere ad un livello mai visto prima, i ragazzi di Naughty Dog si erano presi una “pausa” sperimentandosi in un titolo del calibro di The Last Of Us, tirandone fuori un vero capolavoro a cavallo tra le due generazioni di console, che ha dato il meglio di se con la sua versione Remastered su PS4.
Ormai Naughty Dog come pochi altri sviluppatori al mondo è sinonimo di qualità eccelsa e capolavori che hanno caratterizzato tutte le generazioni di Playstation, partendo da Crash Bandicoot che ha rappresentato una vera mascotte per l’ormai vecchissima Playstation originale e di cui si vocifera un ritorno su Playstation 4 (speriamo bene), passando per l’amatissimo Jak & Dexter su Playstation 2 fino ad arrivare a Uncharted e The Last Of Us a cavallo tra Playstation 3 e Playstation 4, che rappresentano due cavalli di battaglia e numeri vincenti del panorama ludico offerto da Sony.
Abbiamo parlato di The Last Of Us come una sorta di esperimento ludico, avviato in parte per spezzare e dare fiato alla serie di Uncharted, per poi riproporla lustrata a dovere e arricchita dall’esperienza acquisita con un progetto più maturo e cinematografico come lo è stato The Last Of Us.
Uncharted 4: Fine di un Ladro deve moltissimo al cugino The Last Of Us con cui Naughty Dog ha affinato le sue capacità narrative e cinematografiche, andandole a riversare completamente sul nuovo capitolo dedicato a Nathan Drake e alle sue avventure che presenta delle differenze sostanziali nella narrazione rispetto ai capitoli precedenti.
vVRQNBPer chi non avesse mai giocato un gioco della serie Uncharted, innanzi tutto vi consigliamo di acquistare Uncharted: The Nathan Drake Collection che include i tre capitoli finora usciti in un unico disco per Playstation 4, vi diciamo che la narrazione è sempre stata un fattore importantissimo per la saga, che fa della storia un suo punto di forza.
I vari Uncharted sono inoltre autoconclusivi e si trascinano giusto i personaggi e qualche legame marginale attraverso i capitoli, è quindi indifferente che iniziate ad avvicinarvi alla saga dal primo piuttosto che dal secondo capitolo, o direttamente con il prossimo gioco in uscita, anche se consigliamo di giocarveli tutti quanti per completezza d’opera e anche perché, sono tutti dei veri capolavori.
Uncharted 4: Fine di un Ladro si è mostrato da subito ancora più cinematografico rispetto ai predecessori, con un livello di narrazione migliorato moltissimo dal taglio della telecamera, dalle inquadrature sempre perfette e da un motion capture stellare, che non sbaglia un colpo e per il quale bisogna ringraziare l’ottimo rodaggio con The Last Of Us e un cast di tutto rispetto anche per questo capitolo, tra cui troviamo Nolan North ancora alle prese con il protagonista Nathan Drake, Richard Francis McGonagle nei panni di Sullivan e le new entry Troy Baker (Sam Drake) e Laura Bailey (Nadine Ross).
maxresdefaultI due nuovi personaggi introdotti in Uncharted 4 ricopriranno un ruolo centralissimo all’interno della storia di cui si sa ancora pochissimo e per alcune informazioni bisogna tirare a indovinare, studiando i vari materiali rilasciati da Sony nel corso del tempo.
Fin dal primo teaser si è notato come il nostro caro Nathan Drake è un po’ avanti con l’età e dalle informazioni in nostro possesso, le vicende di Uncharted 4: Fine di un Ladro, si svolgeranno circa 4 anni dopo la fine di Uncharted 3 con un Drake che pare essersi ritirato dall’attività di simpatica canaglia cacciatore di tesori che lo aveva reso famoso e che vive la sua “vecchiaia” in compagnia della bellissima Elena Fischer.
Tutto cambia con la ricomparsa del fratello maggiore Sam Drake, ritenuto morto da tempo che spingerà Nathan a intraprendere una nuova avventura sulle orme dei pirati. La maggior parte di Uncharted 4: Fine di un Ladro si svolgerà in Madagascar che nella sua storia, ha ospitato diversi pirati e bucanieri durante l’età d’oro della pirateria e dove si presume, sia esistita la fantomatica Libertalia, una città di pirati parallela alla più famosa Tortuga nel Mar dei Caraibi. Nathan Drake sarà sulle tracce di Libertalia e del pirata Henry Every, la cui ultima missione e relativa scomparsa del bottino è avvolta nel mistero.
Durante la nostra avventura in Madagascar faremo la conoscenza di Nadine Ross, una miliziana di origine sudafricane che si schiererà in qualche modo dalla parte di Nate, ma il cui ruolo è ancora poco chiaro.


La storia come sempre si baserà su vicende storiche, ma con aggiunte che potrebbero sfiorare il fantascientifico e rendere la storia di Henry Every ancor più misteriosa di quanto già si presenta. La storia del famoso pirata sarà solamente uno dei tanti fili conduttori che legheranno le vicende di Uncharted 4, che si concederà diverse riflessioni sui personaggi, in particolare sulla figura di Nathan Drake, del suo passato e del suo legame fraterno con Sam.

uncharted-4-e3-2015-poster-1Il passato di Nate verrà approfondito come mai prima d’ora e dagli ultimi spezzoni mostrati alla Playstation Experience, si è notata la possibilità di risposte multiple nei dialoghi, che potrebbero aprire non a finali alternativi, ma almeno a delle diverse opzioni nell’evoluzione di alcune missioni, cosa che di solito non è possibile vista la natura lineare dei precedenti capitoli.
Naughty Dog è sicuramente concentrata nel creare un prodotto che guidi il giocatore attraverso una storia ben precisa, senza troppe variazioni possibili che potrebbero confondere, ma per quanto riguarda il gameplay di questo nuovo capitolo, gli sviluppatori hanno voluto introdurre diverse possibilità di scelta che permetteranno diverse vie percorribili, svariate opzioni per le scalate e le esplorazioni che potrebbero diversificare l’azione e permettere diversi approcci a discrezione dell’utente, grazie anche all’introduzione della fune e del rampino, che faciliterà gli spostamenti all’interno della mappa.
Insieme a questo nuovo gradito equipaggiamento vengono introdotte anche delle azioni contestuali, come il piombare dall’alto su un nemico calandosi dalla corda e raggiungere dei punti più elevati nelle mappe, anche in multiplayer dove l’azione comincerà ad avere diverse opzioni anche in verticale all’interno delle mappe.
Insomma, le innovazioni in un modello di gameplay affermato come quello di Uncharted sono difficilmente possibili, ma l’introduzione di piccoli elementi aggiuntivi aiuta a svecchiare il format e a regalare nuove emozioni ai fans della saga, che attendono questo quarto capitolo da un bel po’ di tempo.
Parlando proprio dell’uscita del gioco, inizialmente il titolo era previsto per l’ormai concluso 2015, per poi essere spostato al 18 marzo 2016, ma purtroppo anche in questo caso c’è stato un ritardo e per evitare di uscire con un prodotto non ottimizzato e sporco di bug e altri inconvenienti indesiderati, Naugthy Dog ha deciso di rinviare il titolo al 27 aprile 2016, data in cui metteremo le mani su questa attesissima esclusiva Playstation 4, che potrebbe segnare un punto di svolta per la console di casa Sony dopo un anno fallimentare.
Uncharted 4: Fine di un Ladro è senza alcun dubbio uno dei titoli più attesi nel 2016 e speriamo rappresenterà una degna conclusione o forse solo un altro importante capitolo, della storia dell’amabile canaglia Nathan Drake.
Valerio Turrini
11